BIOGRAFIE

Martina Belloni

Martina Belloni si dedica allo studio professionale della danza contemporanea, diplomandosi, nel 2009, presso DanceHaus diretta da Susanna Beltrami. In seguito approfondisce tale disciplina a Firenze, Roma, Catania, Bruxelles, New York, Madrid anche grStatuaazie all’ausilio di borse di studio, con personalità come Virgilio Sieni, Roberto Zappalá, David Zambrano e molti altri. Tali esperienze le lasciano una forte impronta legata alla ricerca e alla sperimentazione del movimento. Avvia così un percorso di interprete, collaborando con numerose compagnie italiane ed estere (tra cui Compagnia Mey Lng Bisogno, Compagnia Krypton di Giancarlo Cauteruccio, compagnia Gabriella Secchi, compagnia Toscana Media Arte, compagnia Giardino Chiuso, C.ia Interferencia Danza di Alfonso Cayetano,…). Non tralascia, però, l’interesse nei confronti della coreografia. Crea, infatti, Collage(ne), selezionato per il premio Incroci Teatrali, di cui è autrice e interprete. Collabora, inoltre, con l’associazione STA firmando le coreografie de La cura del tempo per congiunzioni. E’ inoltre cofondatrice, con altre tre performers, di Gruppo M.U.D. collettivo sperimentale col quale realizza lo spettacolo Small Talk, Imago e Per(n). Ritiene, però, che il solo studio della danza in ogni sua forma, non sia sufficiente. Si avvicina così alla pratica del Tai Chi e dello Yoga grazie ai quali raggiunge una buona consapevolezza della propria energia sulla scena e non; del canto, frequentando lezioni di tecnica e laboratori di sperimentazione fisico-vocali; e di recitazione e teatro fisico, nonché del metodo mimico Orazio Costa. Non completamente appagata dalle attività di danzatrice e coreografa, trova grande soddisfazione anche nella didattica. Ama progettare una programmazione adeguata ad ogni singola realtà e gruppo di lavoro, con la finalità non solo di costruire corpi pronti e atti al movimento, ma di ricercare il sentire sensibile e artistico in ogni persona. Si diploma, dunque, come insegnante a Milano sotto la direzione di Anna Maria Prina, presso il Teatro Oscar e approfondisce la stessa materia presso Opus Ballet – Corso di formazione professionale per insegnanti di danza. Attualmente sta insegnando presso diverse scuole pubbliche e private nella regione Toscana e si sta dedicando alla prima bozza di stesura di un suo personale metodo di lavoro, che è legato alla sua continua ricerca didattica. Ha inoltre intrapreso la ricerca e lo sviluppo di una nuova pratica corporea, Warm Up che unisce danza contemporanea, Yoga e Tai Chi ed è stata invitata a presentarla presso Movimento Danza a Napoli in occasione della Giornata Mondiale della Danza 2016.

 

Maria Vittoria Feltre

Maria Vittoria Feltre nasce in provincia di Vicenza il 04/08/1988. Inizia gli studi di danza classica da giovanissima ma è all’età di 19 anni, quindi dopo essersi diplomata al Liceo Artistico, che decide di dedicarsi alla danza contemporanea frequentando la Codarts – Rotterdam Danse Academie ( Rotterdam, The Netherlands ), conseguendo il Bachelor in Contemporary Dance nel 2009. Approfondisce ulteriormente gli studi di tale disciplina presso il Centro Artistico Opus Ballet di Firenze diretto da Rosanna Brocanello, seguendo il percorso professionale “L.OF.T”, di composizione e ricerca cIMG_4306.JPGoreografica, che le permette di lavorare a stretto contatto con docenti e coreografi italiani e internazionali. Dal 2011 inizia a lavorare presso il Centro Opus Ballet sia come insegnante di danza contemporanea che come danzatrice nell’omonima compagnia. Pur mantenendo intensa la sua collaborazione con lo stesso, tra il 2012 e il 2015 è inoltre danzatrice e performer per Officina Pontormo, diretta da Virgilio Sieni (Cango, Firenze), per Sharon Fridman (Oriente e Occidente, Rovereto) e per Levantes Dance Theatre (Greenwich Dance Theatre, Londra); tirocinante presso la Compagnia Zappalà ( Scenario Pubblico, Catania) e frequentatrice del Tanzhaus Zurich di Zurigo in diverse occasioni di residenza. Mantiene vivo il suo interesse per lo studio del corpo, del movimento e dell’improvvisazione coreografica grazie a seminari di Flying Low e Passing Trough con David Zambrano, Body Mind Centering e Contact Improvisation con la volontà di poterli indagare e approfondire attraverso un percorso artistico più autoriale. Dal 2016 è danzatrice per la compagnia senese Compagnia Francesca Selva e membra del Gruppo M.U.D., neonato collettivo fiorentino.

 

Susannah Iheme

Susannah Iheme nasce a Firenze il 14.06.1985 ed inizia la sua formazione artistica da bambina, studiando danza classica, moderna e contemporanea.

Prosegue gli studi nel contemporaneo, prendendo parte al percorso professionale “Luogo Comune” presso O.M.A. a Firenze, formandosi con coreografi quali Samuele Cardini, Marina Giovannini, Monica Baroni, Pietro Pireddu ed ha, altresì, occasione di approfondirSusye i codici di Roberto Zappalà con un training professionale in Compagnia.

Intraprende un percorso di sperimentazione nell’uso della voce e nel teatro fisico, con personalità quali Elena Nenè Barini e Luigi Ceragioli, con i quali collabora per cinque anni nella Compagnia Danceorama.

Nel 2015, partecipa ad un percorso formativo in Israele nella compagnia di danza contemporanea KCDC per un periodo di 5 mesi, approfondendo la tecnica ed il repertorio della Compagnia e sviluppando e curando le capacità compositive e di improvvisazione. Attualmente lavora come danzatrice freelance, portando avanti il proprio percorso artistico personale di ricerca e composizione. E’ co-fondatrice del collettivo Gruppo M.U.D., collabora con la Compagnia Zaches Teatro, e ha preso parte al progetto dedicato a Jérome Bel presso il Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci. Nel giugno 2017 ha performato presso la Galleria degli Uffizi, nell’ambito del progetto Uffizi live, collaborando con la Compagnia Sosta Palmizi.

Nel 2015 intraprende l’attività di formatrice e comincia a collaborare con realtà quali Centro di creazione cultura, Fosca e Tempo Reale.

Lavora, altresì, in qualità di danzatrice/performer e coreografa con la compagnia di teatro e musical, Magnoprog.

La sua indagine è volta ad individuare ed approfondire i punti di incontro ed il dialogo fra le varie arti, performative e figurative, con particolare attenzione alla connessione fra gesto e voce.

Francesca Valeri

Francesca Valeri Nata a Firenze il 16 Ottobre 1981, studia da piccola danza classica, proseguendo gli studi infranci modern e contemporaneo prendendo parte al corso di formazione professionale diretto da Rosanna Brocanello al balletto di Toscana e successivamente presso l’Opus Ballet di Firenze, prendendo parte a stage con esponenti internazionali della danza e del teatro, dopo il diploma quadriennale in recitazione presso la scuola del teatro Everest inizia a collaborare con Zaches Teatro per il teatro danza e Teatro a Manovella per la prosa. Coreografa di nuoto sincronizzato e laureata in Storia della Danza presso il Dams di Firenze, inizia nel 2012 un percorso di studio legato al Butoh giapponese con Yumiko Yoshioka e intraprende un percorso personale ampliando lo studio ad altre forme artistiche, il circo e la sperimentazione della voce. Da Gennaio 2015 collabora inoltre con la compagnia Murmuris per l’organizzazione di eventi di ambito teatrale.

 

Contatti: gruppo.mud@gmail.com